28 Agosto 2020

Come arredare la cucina con le sedie di design più belle e funzionali

Le sedie che scegli per la tua cucina parlano di te e del tuo modo di vivere la casa. Se vivi il pranzo o la cena come un rituale tenderai a privilegiare il comfort delle sedute, mentre se consumi spesso i pasti al volo tra un impegno e l’altro punterai piuttosto sulla funzionalità. E poi potresti fare dell’improvvisazione uno stile di vita, anche in cucina, preferendo sedie leggere, magari anche pieghevoli per poter trasformare una cena solitaria in una chiacchierata tra amici. Ecco come scegliere le sedute giuste per ogni cucina.

Partire dalle sedie per arredare la cucina

Valuta attentamente la dimensione dello spazio in cui inserirai le sedie come primo ed indispensabile passo. Se lo spazio è ampio, potrai optare per un tavolo grande e delle sedute confortevoli, magari anche con i braccioli. 

Entrando nello specifico, considera che l’ingombro minimo di una persona seduta è di 50 centimetri per 60-70 centimetri. Una sedia solitamente ha la seduta di larghezza 45-55 centimetri, la profondità 45-60 centimetri ed è alta 40-50 centimetri da terra, con schienale minimo di 38 centimetri.

Dovrai scegliere la sedia in base alle dimensioni del tavolo, specialmente in relazione all’altezza: un tavolo è alto mediamente 72-75 centimetri. Perché una sedia sia considerata giusta per un tavolo, la distanza tra la sua seduta e il bordo inferiore del tavolo deve essere maggiore di 30 centimetri. In questo modo i commensali avranno spazio a sufficienza per stare comodi. 

Sedie da cucina moderne e leggere

Vuoi creare un ambiente caldo e confortevole, ma che sia anche funzionale per le attività quotidiane? Per questo le sedie da cucina moderne devono saper coniugare design e praticità. Un aspetto particolarmente importante è la leggerezza delle sedie, per assicurare la massima libertà di movimento: capita spesso di doverle spostare e non deve essere un gesto faticoso. 

La sedia Seventy ha linee vintage struttura in Legno massello o Acciaio, seduta costituita da un’avvolgente monoscocca imbottita per maggiore comfort.

Avvolgente è anche lo schienale delle sedie Polo, il cui design rimane comunque all’insegna della massima leggerezza. Disponibili sia come sedie da cucina che come sgabelli per penisola, possono essere un’ottima soluzione d’arredo per creare continuità tra la cucina con isola e la sala da pranzo. Imbottita e avvolgente è anche Amelie dal fascino elegante ma casual, lo schienale e la seduta sono curvati e morbidi, è adatta ad ogni ambiente: living, cucina, studio professionale, home office. 

Salvaspazio e versatile, la sedia pieghevole Poket ha poco da invidiare alle altre sedie da cucina in termini di design e comodità. E quando non serve, puoi riporla facilmente.

Materiali e stili per le sedie da cucina

Quando arredi la tua cucina, concentrati sulla creazione di un ambiente confortevole e capace di comunicare calore, ma senza trascurare la funzionalità. In tal senso, il materiale delle sedie è assai rilevante e le possibilità sono infinite: legno, acciaio, alluminio, policarbonato o polipropilene, cuoio, pelle, pelle premium, tessuto, fibra di legno, plexiglass, resina, vimini o rattan. 

Prediligi prodotti igienici, pratici e semplici da pulire, i tessuti antimacchia, il legno o il metallo (aggiungendo un cuscino per ammorbidire la seduta). Uno dei consigli migliori è orientarti su un mix tra fibre naturali, per esempio il lino, e fibre artificiali come il poliestere per scegliere una soluzione all’insegna di resistenza, gradevolezza e facilità nella pulizia.

In termini estetici, puoi scegliere una continuità stilistica con il tavolo oppure in contrapposizione. La prima opzione prevede l’acquisto di sedie con colori e materiali che richiamino quelli del tavolo o, ancora meglio, quelli del top della cucina. Basta anche un singolo dettaglio grafico o cromatico che richiami altri elementi d’arredo della cucina, per creare omogeneità e dare carattere a una delle stanze più importanti della casa. 

Se invece preferisci puntare sulla dissonanza stilistica, devi slegare completamente la scelta del tavolo da quella delle sedie. Ad esempio, sedie ultra contemporanee sotto un tavolo super classico.

In generale, il legno è una scelta classica, sottolinea il calore dell’ambiente e non stanca mai, mentre il polipropilene è adatto alle cucine più giovani e moderne.

Il minimalismo è il tratto distintivo della sedia Kate, con struttura in Legno massello o Acciaio. È disponibile anche con cuscino imbottito e trapuntato, da scegliere in tessuti come la pelle premium o il velluto supreme – i più adatti a una sedia da cucina.

Più pop è invece il design della sedia Galaxy in polipropilene e fibra di vetro, caratterizzata dall’inconfondibile motivo geometrico sullo schienale. Disponibile in diversi colori tra cui bianco, azzurro polvere e giallo senape, in caso di macchie si pulisce semplicemente con un panno umido.

Tavolo e sedie da cucina di design

Ultimo ma non meno importante aspetto da tenere in considerazione è l’armonia tra il tavolo e le sedie da cucina. Le tendenze arredo più moderne consigliano di evitare la rigidità a favore di una maggiore libertà di scelta: basta anche solo un particolare del design a legarli per avere un effetto gradevole. 

Sempre più spesso le sedie vengono abbinare ad altri elementi d’arredo che caratterizzano l’ambiente, ad esempio scegliendo le sedute nello stesso colore del top della cucina. Via libera alla fantasia e alle soluzioni di carattere.

Bontempi Casa Visita il flagship
Bontempi Casa

Via Filippo Turati, 6 Milano

Email: [email protected]

Tel : +39 0238261659