31 Agosto 2022

Ora che lo smart working si è trasformato nella quotidianità per milioni di persone, diventa indispensabile la creazione di una zona ufficio tra le mura domestiche. Ma come orientarsi per l’arredamento di uno studio in casa? Oggi, si predilige creare una zona nascosta o apparentemente chiusa, in grado di assolvere a più funzioni

Ora che lo smart working si è trasformato nella quotidianità di milioni di persone, diventa indispensabile la creazione di una zona ufficio tra le mura domestiche. Ma come puoi orientarti per l’arredamento di uno studio in casa? Oggi, si predilige creare una zona nascosta o apparentemente chiusa, in grado di assolvere a più funzioni: controllare l’e-mail, tenere la contabilità domestica, scrivere, editare foto e video sul computer. 

Anche nell’arredamento di questi spazi, a predominare sono sempre l’amore per il bello e il desiderio di creare un luogo che sia in armonia con il resto della casa.

Ispirazioni e consigli per una zona home office

Una buona progettazione iniziale è sempre auspicabile per poter ricavare un home office con tutte le caratteristiche desiderate, se devi invece ricavare lo studio su una pianta domestica già esistente, il consiglio è privilegiare ordine ed estetica

Ordine nel senso di compostezza: postazioni con più cassetti o zone chiudibili, in modo tale da mantenere vivo il workflow senza dovere ogni volta rimettere tutto a posto. Inoltre, chiudendo porte, ante o cassetti, non vivrai con l’ansia di avere un ufficio disordinato a vista, ma potrai “disconnetterti” dal lavoro. 

Un piccolo studio da arredare con grandi idee

Se la tua casa è già arredata forse fai fatica ad immaginare dove collocare lo studio, quindi, bisogna essere molto pratici: arredare un piccolo studio ma pur sempre funzionale. 

L’home office puoi ricavarlo nell’ingresso di casa, meglio se ci sono spazi o nicchie da sfruttare. Fondamentale è poi scegliere i colori giusti: uno studio, anche se piccolo, deve trasmettere serenità e concentrazione e per questo è fondamentale la scelta di cromie neutre, leggere, in continuità con il resto della casa. Scegliere un colore troppo scuro potrebbe appesantire l’ambiente e rendere più difficile la concentrazione.

Potresti scegliere colori come l’azzurro polvere e il verde salvia per ottenere un effetto calmante e aumentare la tua concentrazione mentre lavori. Al contrario, tonalità vivaci come il rosso o l’arancione possono aiutarti a stimolare l’energia e la creatività, in caso il tuo lavoro lo richiedesse. Considera l’uso di elementi decorativi colorati come cuscini, tappeti o stampe da appendere. Ricordati di scegliere i colori delle pareti e degli elementi d’arredo in modo tale da far risaltare la tua personalità senza sovraccaricare visivamente lo spazio.

Puoi allestire uno studio con un arredo multifunzionale. Su questa onda, scegli mobili che soddisfino sia le tue preferenze stilistiche, sia le esigenze concrete di spazio. Per esempio, uno scrittoio con cassetti integrati come Zac di Bontempi può essere un’eccellente soluzione organizzativa per i tuoi documenti, accessori tech. 

In alternativa anche lo scrittoio Matisse coniuga la funzionalità a un sobrio design. È utile a creare un home office ovunque perché le sue misure sono contenute e la struttura è snella. 

Le mensole a muro e i mobili a scomparsa sono altre opzioni intelligenti per ottimizzare lo spazio del tuo home office, pur consentendoti di tenere tutto in ordine e arredare l’ambiente.

Nel caso in cui ci sia una stanza intera da adibire a ufficio sarà il caso di scegliere anche un divano di qualità, capace di conferire carattere e personalità.

Arredare lo studio di casa: cose a cui non si può rinunciare

Hai assolutamente bisogno di creare il tuo ufficio per lo smartworking in casa? Ci sono alcuni mobili di cui non puoi fare a meno. 

  • Uno scrittoio: qualunque sia la sua dimensione, l’importante è che contenga tutto ciò che è essenziale per lavorare. Se poi vuoi dare all’ambiente più prestigio, puoi inserire un tavolo al posto della scrivania. L’importante è assicurarti che il tavolo sia della giusta altezza e dimensione in base allo spazio che hai a disposizione al tipo di lavoro che dovrai svolgere. Per uno studio moderno, potresti prendere in considerazione un tavolo dal design minimalista con linee pulite e materiali come il legno o il vetro se desideri aggiungere un tocco di raffinatezza e modernità nella stanza. Ad esempio, il modello di tavolo Bridge Bontempi: tavolo rettangolare e a botte, fisso o allungabile, con struttura e dettagli decorativi in acciaio laccato.
  • Una sedia: meglio se ergonomica, visto l’utilizzo protratto per varie ore durante la giornata.
  • Un pouf o una poltrona: ogni tanto cambiare punto di vista può aiutarti a riflettere meglio, ad avere nuove idee e a lavorare con una prospettiva diversa.
  • Una libreria: per volumi, enciclopedie, libri da consultare. 
  • Una lampada: una buona illuminazione è fondamentale per ogni tipo di lavoro e Circle coniuga design e funzionalità con grande stile.

Vintage o minimal: con che stile arredare lo studio di casa

In uno studio moderno, in stile minimal, dovresti prediligere linee geometriche: un design contemporaneo, mobili semplici, poco vistosi. In questa concezione, lo spazio è il protagonista principale, quindi gli elementi di arredo devono essere ridotti all’essenziale. Il materiale per eccellenza sarà il metallo, anche declinato nelle sue versioni laccate.

In uno studio dal sapore vintage invece il legno sarà il materiale dominante. Gran parte delle scrivanie vintage spiccano per i loro caratteristici intarsi, cosi come per le decorazioni sulle gambe della struttura. Immancabili saranno poi la cassettiera a lato, la libreria e, magari, la cosiddetta lampada da notaio in vetro opaco verde.

Scopri di più
Bontempi Casa Visita il flagship
Bontempi Casa

Via Filippo Turati, 6 Milano

Email: [email protected]

Tel : +39 0238261659